BRAMA TORMENTATA

Qua c po da d; nindovinello da ndovin: chi vesta femmina vogliosa?



Come n bofonchio ronza e gira ar vento
te ronzi intorno a me; ma io lo sento:
un per voglia, amore o per diletto
che un vedi lora che io venga a lletto.

Un n capriccio r tuo, che un sei nvaghita;
per nhai fatto ragion della tu vita
e se der corpo mio un pi f senza,
solo per av na discendenza.

Te un mami ma, vi solo lumor mio;
per rorda ben ver che ti do:
se anco ve ffiglioli procreati
dar sangue der mi sangue n generati,

io un te li ronosco di suro
e un v sapenne nulla. Io labiuro!
Anco di te, io vorei fanne a mmeno
che gi come ti veggo son strapieno.

Sei adurtera molesta e asfissiente;
der male che te fai n ti frega niente;
te vi sortanto chio soccomba e ceda
per f di me la tu bramata preda.

E giri e brighi e meni finch stracco
mi piego alle lusinghe der tu attacco,
finch nun cedo r passo alle tu brame
lasciando che tu appaghi la tu fame;

po, appena ir tu appetito ben pasciuto,
quando ver che volevi lhai ottenuto,
te te ne vai lasciandomi nterdetto
a rigirammi e a rodemi n de lletto.

Ma prima che la festa e r gio resti
ti pentirai de ttiri tui molesti
e n giorno o lartro, con una ciaffata
ti trovi contrar muro spiccata!


brama tormentata

che posticin!

divorsio

ingorda donna

l'amanti ripudiate